icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
I creatori di Uno confermano: 'i +2 e +4 non sono cumulabili'

La conferma arriva direttamente dai creatori del gioco i quali finalmente fanno chiarezza in merito a uno dei più dibattuti punti del gioco di carte

I giocatori di Uno potrebbero aver subito un duro colpo. La notizia, giunta su Twitter in un tranquillo sabato di maggio, ha definitivamente fatto chiarezza su una delle regole più combattute e discusse del noto gioco di carte. A rispondere sul tema sono stati i creatori del gioco.

I creatori di Uno spiegano la regola ufficiale


Uno ha le sue regole, ma non sempre e non tutti le hanno mai seguite del tutto. Tra quelle maggiormente discusse e su cui in molti hanno sempre creato regole a parte c'è quella delle carte +4 e +2. Durante dei tranquilli pomeriggi in famiglia o tra amici, le carte in questione hanno sempre alimentato polemiche e nei casi estremi incrinato rapporti duraturi. Ma finalmente una verità sul tema arriva e non ci sarà più modo di sorvolare.



Nella dichiarazione condivisa, con tanto di cartello in rosso è specificato: le carte speciali +4 e +2 non sono cumulabili. Alla carta +4 si risponderà pescando le carte e saltando il turno e lo stessa cosa si ripeterà con le +2. Insomma non si potranno caricare i giocatori successivi con le carte non pescate. Non c'è scampo.


Fonte foto: Instagram

Pubblicato 09.05.2019

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Viral News

Estate: le mete più romantiche per le coppie

rds_community_login

Viral News

Nell'abbazia di Grimbergen, dopo oltre 220 anni i monaci tornano a produrre birra

rds_community_login

Viral News

La notte sarà più comoda: arriva il cuscino a forma di pane

rds_community_login

Viral News

Evitare lo smartphone la sera aiuta a dormire meglio

rds_community_login

Viral News

È dimostrato che mangiare insieme fa bene alla coppia

rds_community_login

Viral News

Amico immaginario: quando e perché compare

rolling
×